UFASHONLogo

AltaRoma Haute Couture SS 2017, Sabrina Persechino

Jaali: è una pietra perforata a mo’ di grata, lavorata solitamente con motivi ornamentali realizzati attraverso l'uso della calligrafia e della geometria. Una griglia che consente la visione in una sola direzione, oltre al passaggio di luce e aria, fondamentale nelle società islamiche per preservare l’intimità familiare, permettendo così di poter guardare fuori impedendo a chiunque di osservare all’interno. Un sorta di brise-soleil moderno spesso utilizzato nelle architetture contemporanee per realizzare un effetto di smaterializzazione dell’involucro. Un elemento di separazione tra interno ed esterno che assume il ruolo di filtro, di diaframma, capace di dosare e modificare il passaggio della luce a seconda delle ambientazioni esterne e dell’incidenza dei raggi solari.

E proprio attraverso il filtraggio della luce, gli abiti, come gli edifici, assumono aspetti diversi, variando continuamente la propria immagine accentuando la sensazione di mobilità e di velocità.

L’intaglio della pietra per creare lo Jaali viene interpretato da Sabrina Persechino nella creazione del macramè geometrico che diventa elemento di forza e trasparenza negli abiti bianchi dalle forme lineari e pulite. Una trama nodosa a base quadrata a disegnare una griglia ornamentale che lascia spiare la siluette esaltandone la femminilità.

Dal gioco della rifrazione e dalla deviazione subita dall’onda luminosa attraverso il passaggio nella Jaali scaturisce il tessuto in filigrana oro. Un intreccio di sottili fili in resina ritorti a creare un elegante effetto di struttura traforata.

Il taglio netto sulle pelli dal colore olio, crea intarsi e fessure, feritoie di luce  e geometrie perfette su prospetti razionalisti di estrema indossabilità.

All’oro è affidato il compito di fil rouge della collezione: elemento di legame e connessione tra tutte le altre trame in piqué di seta nero e sabbia le cui ampiezze emulano le suriyah libiche.

La cartella colori è influenzata dalle architetture arabe e dai colori desertici. Immancabile il nero, che caratterizza Sabrina Persechino, e l’oro, in doppia tonalità, che unisce e vivacizza gli outfit da giorno, cocktail e da grande soirée.

Ph: S. Dragone - G. Palma / Luca Sorrentino

 

AltaRoma Haute Couture SS 2017, Sabrina Persechino

Jaali: is a perforated stone, like a grid, usually carved with ornamental motifs made through the use of calligraphy and geometry.  A grid allowing the vision in one direction, in addition to the passage of light and air, fundamental In Islamic societies to preserve the family intimacy, allowing to watch outside, preventing anyone to look inside.

A sort of modern brise-soleil often used in contemporary architecture to create an effect of dematerialization of the shell. An element of separation between inside and outside that assumes the role of filter, like e diaphragm, able to dose and modify the passage of light depending on external environments, and the incidence of the sun's rays

And just by filtering the light, the garments, such as buildings, assume a different aspect, constantly changing its image accentuating the feeling of mobility and speed.

The carving of the stone to create the Jaali is interpreted by Sabrina Persechino by creating the geometrical macrame that becomes an element of strength and transparency in white clothes with linear and clean shapes. A gnarled weave on squared base designing an ornamental grid that allows to peek at silhouettes emphasizing femininity.

From the game of refraction and the deviation of the wave light in the passage through the Jaali comes the fabric filigree gold. A tangle of thin resin wires twisted to create an elegant openwork effect.

The cut on the olive coloured leathers, creates intarsias and cracks, slits of light and perfect geometries on rationalists prospects of extreme wearability.

Gold is entrusted with the task of leitmotif of the collection: the binding element and connection between all the other fabrics in black and sand silk piqué whose amplitudes emulate the Libyan Suriyah.

The color palette is influenced by Arab architecture and colors from the desert. Unfailing black, featuring Sabrina Persechino, and the gold, two-toned, unites and animates the daytime, cocktails and great soirée outfits.

Ph: S. Dragone - G. Palma / Luca Sorrentino

Share :